Hobby Boss 84401 German Panzer Tank Crew (Normandy 1944) 1/35

Brand: HOBBYBOSS
SKU: 84401
10,00€

Hobby Boss 84401 German Panzer Tank Crew (Normandy 1944)  1/35

I primi carri armati dell'esercito tedesco apparvero alla fine della prima guerra mondiale: queste erano le macchine A7V. Dopo la firma del Trattato di Versailles, alle forze armate tedesche fu proibito di sviluppare armi corazzate, ma la parte tedesca non ha onorato queste restrizioni e ha sviluppato segretamente armi corazzate. Tuttavia, dopo che Adolf Hitler salì al potere nel 1933, questo sviluppo divenne pienamente ufficiale e nel 1935 fu costituita la 1a divisione corazzata. Nel periodo 1935-1939 si formarono ulteriori divisioni e il loro equipaggiamento principale erano le vetture Pz.Kpfw: I, II, III e IV. Un'unica divisione corazzata a quel tempo era composta da una brigata di carri armati divisa in due reggimenti corazzati, una brigata di fanteria motorizzata e unità di supporto, tra le altre: ricognizione, artiglieria, contraerea e genieri. Consisteva di circa 300 carri armati a tempo pieno. Vale anche la pena aggiungere che le forze corazzate tedesche (tedesco: Panzerwaffe) erano addestrate e preparate ad attuare la dottrina della guerra dei fulmini, e non - come in molti eserciti dell'epoca - a supportare le attività di fanteria. Pertanto, è stata data enfasi alla formazione "pancerniaków" sull'intercambiabilità delle funzioni, l'indipendenza nel processo decisionale da parte di ufficiali e sottufficiali e la migliore padronanza tecnica dei carri armati di proprietà. Tutto ciò ha portato a grandi successi delle armi corazzate tedesche in Polonia nel 1939, ma soprattutto nell'Europa occidentale nel 1940. Anche nel corso dei combattimenti in Nord Africa - soprattutto nel periodo 1941-1942 - le forze corazzate tedesche si rivelarono un avversario molto difficile. Prima dell'invasione dell'URSS, il numero delle divisioni corazzate tedesche è quasi raddoppiato, ma il numero di carri armati in queste unità è sceso a circa 150-200 veicoli. Anche nel corso dei combattimenti sul fronte orientale - soprattutto nel 1941-1942 - le forze corazzate tedesche furono superiori per addestramento e organizzazione al loro avversario sovietico. Tuttavia, il contatto con veicoli come il T-34 o il KW-1 costrinse l'introduzione dei carri armati Pz.Kpfw V e VI sulla linea nel 1942 e nel 1943. Le crescenti perdite sul fronte orientale, così come le battaglie perse - a Stalingrado o Kursk - fecero indebolire la Panzerwaffe tedesca. La sua struttura comprendeva battaglioni di carri armati pesanti (con 3 compagnie di carri armati) e nel 1943 furono istituite divisioni di granatieri corazzati. C'era anche un vantaggio sempre più chiaro della parte sovietica e, dal 1944, la necessità di combattere contemporaneamente le truppe sovietiche a est e gli alleati a ovest. Si presume anche che fosse allora (negli anni 1944-1945) che l'addestramento delle forze corazzate tedesche fosse più debole rispetto al periodo precedente e non costituisse un vantaggio così significativo da parte tedesca rispetto a prima. Le ultime operazioni su larga scala della Panzerwaffe tedesca furono le offensive nelle Ardenne (1944-1945) e in Ungheria (1945).